.

.

.


Storico

Giornata conclusiva del I Corso S.I.A.V. di Agopuntura Veterinaria (AV)

Milano, 27 Ottobre 2001



Presentazione e discussione delle tesi di fine corso elaborate dagli iscritti

 

 

I CORSO S.I.A.V. DI AGOPUNTURA VETERINARIA

Lo scorso 27 Ottobre 2001, presso la scuola di Medicina Tradizionale Cinese (MTC) 'So Wen' di Milano, si è tenuta la giornata conclusiva del I Corso S.I.A.V. di Agopuntura Veterinaria (AV), con la presentazione e discussione delle tesi di fine corso elaborate dagli iscritti.

Il corso, impostato secondo le dottrine classiche della MTC, ma con i necessari riferimenti allo sviluppo di questa disciplina in Occidente, ha avuto come obiettivo quello di formare MEDICI VETERINARI AGOPUNTORI, cioè figure professionali in grado di affiancare le possibilità diagnostiche e terapeutiche della MTC alla loro pratica clinica quotidiana.

Durante tutto lo svolgersi delle lezioni ha predominato il concetto di Medicina Integrata, un tipo di approccio clinico che, evitando incongrue separazioni e rigidi schemi operativi, permetta la convergenza della medicina allopatica e della MTC così da attuare un potenziamento dell'atto medico.
Spesso sia nelle lezioni in aula ed ancor più nelle esercitazioni pratiche, di fronte ai casi clinici, sono affiorate preziose informazioni mediche 'occidentali' ed 'orientali' che hanno creato un clima particolarmente stimolante e di grande scambio culturale e che ha favorito lo sviluppo di una metodologia veramente olistica e globale.

Quanto previsto dal capitolo "Ambito Formativo" della Proposta Normativa S.I.A.V. per l'AV (Torino, 10 agosto 1999) è stato pienamente realizzato nell'attuazione pratica del corso:
- Durata triennale del corso;
- 100 ore di lezioni teoriche per ciascun anno di corso;
- 50 ore di esercitazioni pratiche per ciascun anno di corso;
- Esercitazioni pratiche distinte per specie animale (con l'obbligo per gli iscritti di seguire quelle effettuate sulla specie animale di diretto interesse clinico);
- Esami di merito teorico - pratici per ogni anno di corso;
- Presentazione di una tesi di fine corso (di natura teorica o pratico - sperimentale).

Gli insegnamenti sono stati impartiti da medici veterinari con esperienza pluriennale nel settore dell'AV , e gli stessi hanno curato la redazione del materiale didattico e delle dispense del corso (in lingua italiana).
L'aggiornamento e gli approfondimenti dottrinali sono stati assicurati dagli incontri culturali organizzati dalla S.I.A.V., Società Italiana Agopuntura Veterinaria: giornate studio, congressi, seminari internazionali che hanno visto la partecipazione di esperti di AV provenienti da vari Paesi.
Al termina di questo complesso percorso formativo è stato rilasciato un attestato di frequenza e qualificazione in AV.

Nella forma e nei contenuti la S.I.A.V. ha realizzato un vero e proprio corso post laurea 'specialistico' in AV.
Una tale configurazione del corso impone un'attenta riflessione sulla diffusione di questa disciplina medica nel settore veterinario, sia per quanto attiene all'ambito formativo che a quello professionale, e richiama da vicino la Proposta di Legge n. 3891, destinata ad essere un importante strumento di riordino per tutto il settore delle Medicine Non Convenzionali (MNC), e che prevedeva tra le altre: l'istituzione presso gli ordini di registri di medici esperti nelle terapie non convenzionali, la formazione culturale dei medici presso istituti privati riconosciuti, la possibilità dei medici che hanno completato l'iter formativo di definire pubblicamente la loro qualificazione professionale.
Di fatto si rende sempre più necessario una dibattito che coinvolga le diverse Società culturali di medicina allopatica e di MNC e che si svolga anche con la partecipazione della F.N.O.V.I.

Le tesi discusse hanno toccato diversi ambiti clinici e più precisamente:

Dr.ssa Gloria Casarini (Bologna): Miglioramento delle performances nel cavallo da concorso;
Dr.ssa Nicoletta Chierichetti (Busto Arsizio): Bronchite Cronica Ostruttiva nel cavallo;
Dr. Dario Giommi (Solaro): Produzione di cortisolo endogeno nel cavallo mediante laserpuntura;
Dr. Luca Vigo (Solaro): Adenite sebacea nel gatto;
Dr. Lorenzo Vescovi (Riva del Garda): Patologie dell'apparato riproduttivo: un caso di piometra nella cagna;
Dr.ssa Debora Groppetti (Milano): La falsagravidanza nella cagna: riscontri clinici di terapia con agopuntura;
Dr.ssa Roberta Maietti (Desio): Incontinenza urinaria nel cane;
Dr. Maurizio Tomassini (Desio): Trattamento della rottura del legamento crociato craniale del cane mediante agopuntura;
Dr.ssa Roberta Pozzi (Senago): Patologie oculari nel cane;
Dr.ssa Marta Rostagno (Castronno): Lesioni neurologiche post traumatiche nel cane.

Le tesi, tutte di natura clinico-sperimentale, sono state elaborate durante un periodo di tempo di oltre due anni, ed hanno visto i colleghi impegnati in una assidua ricerca bibliografica e nella raccolta del maggior numero di casi clinici, così da mostrare il reale campo d'azione della AV.

Ciascun lavoro è corredato di un'introduzione 'occidentale' dell'argomento, di un'ampia esposizione della fisiopatologia secondo le dottrine della MTC, della presentazione e dei risultati dei casi clinici, dei protocolli terapeutici impiegati, ed è completato da una discussione globale su quanto svolto.

Nell'insieme queste dissertazioni rappresentano una valida fonte culturale in materia di AV, originale ed in lingua italiana, e testimonia della elevata competenza raggiunta dagli iscritti al I Corso S.I.A.V. di AV.

Senza tema di smentite, e lontano da qualsiasi intento polemico, possiamo affermare che i colleghi, che con tanto acume e passione hanno atteso a questi studi, pienamente meriterebbero il titolo di 'Specialisti in AV', ed in quanto tali vanno considerati.

A tutti loro vanno i nostri più sentiti complimenti, con una raccomandazione tratta dal Nei Jing So Wen:

"Quando trattate siate come colui che spinge il suo sguardo in fondo all'abisso: attenzione a non cadere! Che la vostra mano sia come quella che tiene una tigre: la fermezza non vi mancherà! Che niente turbi il vostro animo: nella calma considerate il vostro paziente senza girare lo sguardo a destra e a sinistra. Che il movimento con cui mettete gli aghi non devii: perché la vostra dirittura richiamerà la rettificazione. Prima di tutto rettificate il vostro Shen: perché è lo sguardo che voi portate al malato che richiama la regolazione dei suoi Shen. In questo modo farete circolare i Soffi con facilità".

 

Ricerche nel sito




S.I.A.V. Società Italiana Agopuntura Veterinaria - Via Vanchiglia 27 - 10124 - Torino - P.IVA e C.F.: 97588240016 // Cookies & Privacy

Powered by Joomla! Designed by: joomla templates web hosting Valid XHTML and CSS - Webmaster dadacore.it