• Agopuntori in Cerchio
    slide_iscrizione_2024
    slider_xxv-seminario-provv
    slider_corso_dietetica_cinese_avanzata_cani-gatti
    oli-essenziali-2
    agopuntori-in-cerchio_slider
    slide_tavole-agopunti-cane
    slide_gadget
    slide_iscrizione_newsletter
    slider_corso_dietetica_cinese_avanzata_cani-gatti
    webinar_firo_slide
    previous arrow
    next arrow

Strategie nutrizionali per la gestione del prurito in un cane lupo cecoslovacco

Carmen Gerardi.

INTRODUZIONE
Vanesia Akemi Spirito Libero è un esemplare femmina integro di Cane Lupo Cecoslovacco (CLC). Nata il 22 novembre 2020, si distingue per un’ottima forma fisica, con un peso di 25 kg corrispondente al valore ideale per la sua morfologia e un Body Condition Score (BCS) di 5. Questo articolo intende discutere l’approccio diagnostico e terapeutico intrapreso in risposta alla sintomatologia del prurito manifestata da Akemi, illustrando come un intervento basato su principi nutrizionali secondo la Medicina Tradizionale Cinese (MTC) possa contribuire alla risoluzione di tale sintomatologia nei cani.

DIAGNOSI OCCIDENTALE
Al 14 settembre 2023, data della sua prima visita, Akemi presenta una situazione di notevole prurito, tanto da passare gran parte della giornata a grattarsi, non al punto di causare alopecia, ma abbastanza da riportare un’intensità di prurito di 8,5 su una scala da 0 a 10, dove 0 rappresenta l’assenza di prurito e 10 un prurito insopportabilmente forte e costante.
Il suo appetito è scarso, Akemi guarda il cibo con disinteresse e spesso lascia la ciotola piena per metà, un comportamento che si traduce in una battuta ricorrente da parte dei suoi proprietari: “Akemi è l’unico lupo che rifiuterebbe persino la nonna”.
Inoltre, Akemi presenta feci non formate diventate diarrea, subito dopo il suo primo calore.
Sulla base delle esigenze espresse dalle proprietarie del cane, l’intervento dietetico dovrebbe essere strutturato in modo tale da rispondere a tre obiettivi di cui, il principale, è quello di ridurre il prurito. Per il resto, bisognerebbe migliorare l’appetibilità della ciotola e normalizzare la consistenza delle feci. Il tutto tenendo conto anche della necessità espressa dalla famiglia di avere pasti di facile gestione, con la possibilità di congelare porzioni multiple.

DIAGNOSI SECONDO LA MTC: INFORMAZIONI PRINCIPALI
Akemi è un Metallo/Legno. Ha i colori del Metallo, la malinconia nello sguardo, nonché una certa indifferenza verso gli esseri umani che non siano le sue custodi. Del Legno ha l’aspetto longilineo, l’impazienza ed è attaccabrighe con i suoi simili.
Ha un pelo più ispido rispetto agli altri clc ed è polveroso. I denti sono bianchi con poca presenza di tartaro sottogengivale. Non ama mangiare le ossa. In genere non ha il morso duro. Nel pomeriggio, soffre di borborigmi. Ha un respiro lento e quando entra in casa, è come se si rilassasse, sospira.
Prima del calore era molto nervosa.
In generale non sembra che beva tanto, lo fa solo quando va al fiume. Mangia molta erba, lo fa tutti i giorni. Non vomita.

PATOLOGIE PREGRESSE: ha avuto la giardia e ci sono voluti più di quattro mesi per liberarsi dal parassita.
La lingua si presenta rosa pallido con alcune sfumature di violetto. È sottile, leggermente debordante ai lati ma non improntata. Ha un solco centrale che prende il jiao inferiore e medio ed è asciutta. Non è stato possibile rilevarle i polsi.

Ba Gang:
Prurito: INTERNO/ESTERNO FREDDO/CALDO VUOTO/PIENO YIN/YANG
Inappetenza: INTERNO/ESTERNO FREDDO/CALDO VUOTO/PIENO YIN/YANG
Feci non compatte: INTERNO/ESTERNO FREDDO/CALDO VUOTO/PIENO YIN/YANG
Poiché i suoi sintomi principali sono: distensione addominale con borborigmi, inappetenza, feci non formate, lingua asciutta, chiara e sottile, sospiri, frustrazione pre-calore, prurito migrante, Akemi ha stasi di Qi di Fegato, deficit di Sangue di Fegato e deficit di Qi di Milza.

PRINCIPIO TERAPEUTICO:
Risolvere la stasi di Qi di Fegato, nutrire e muovere il Sangue di Fegato, tonificare il Qi di Milza.
Dieta di Akemi al momento della prima visita è una BARF + OP (FE 1453kcal)
350 gr maiale
250 gr OP pollo o tacchino macinate
150 gr cuore (e, in aggiunta, 4 volte a settimana 50gr di fegato o milza)
90 gr verdura (anche disidratata)
2 cucchiai di olio di salmone
2 cucchiai di olio di cocco
60gr di trippa verde
Poiché la dieta di Akemi era già bilanciata e le proprietarie riferiscono di avere ancora 49 pasti da consumare, decido per un approccio semplice e graduale con l’obiettivo, per le prime due settimane, di muovere la Stasi e alleggerire il lavoro della Milza. Concordiamo di scottare la carne di maiale in padella, eliminare l’olio di salmone e sostituire le ossa polpose con la farina d’ossa, prevedendo un aumento del 30% della razione di carne. Quest’ultimo cambiamento non è stato possibile per la ragione di cui sopra, vale a dire della scorta di pasti ancora da consumare.
III & IV settimana: abbiamo aggiunto mezzo cucchiaio di prezzemolo per tonificare la Milza e nutrire il Sangue. Mezzo cucchiaio di origano per rinfrescare ed eliminare il Vento (causa del prurito di Akemi), mirtilli fuori pasto per nutrire il Sangue di Fegato e una manciata di lenticchie per nutrire e muovere il Sangue di Fegato.
V & VI settimana: ho proposto di sostituire la carne di maiale con quella di coniglio, anch’essa di natura fresca, in realtà molto equilibrante dal punto di vista dello yin e dello yang. Inoltre, ho aggiunto 1 cucchiaio di semi di zucca, per tonificare il jiao medio e nutrire il Qi di Milza. L’origano è stato sostituito dal rosmarino per bilanciare la freschezza della carne, rimuovere le ostruzioni del Qi e promuovere la digestione. Abbiamo mantenuto il prezzemolo, per sostenere il Sangue e sostituito le verdure disidratate della sua dieta con verdure fresche cotte e frullate: carote per muovere il Qi e spinaci per nutrire specificamente il Sangue di Fegato.
VII & VIII settimana: per problematiche di tipo logistico, non è stato possibile continuare con la carne di coniglio. Purtroppo Akemi non ha gradito la carne di manzo quindi siamo ritornate alla carne di maiale, mantenendo le erbe aromatiche introdotte le settimane precedenti e la razione di verdure frullate. Poiché da qualche giorno il cane sembra avere costantemente fame e mangia molta erba, abbiamo introdotto il Kuzu per un possibile fuoco di Stomaco. Principio terapeutico: purificare il fuoco di Stomaco.
Riepilogo modifiche dieta:
1 cucchiaio di semi di zucca
1 cucchiaio di rosmarino
1 cucchiaio di prezzemolo
Verdure frullate: carote, cavolo nero (in aggiunta), spinaci
Kuzu per purificare il fuoco di Stomaco
IX & X settimana: è stata aggiunta una tisana per cercare di eliminare del tutto il prurito: Lavandula 10gr., Menta 10gr, Catnip 10gr. Un cucchiaino per una tazza di acqua bollente, da lasciare in infusione per dieci minuti. Dose: 1mL per chilo di peso. Sono stati tolti i semi di zucca per episodi di diarrea nell’ultima settimana di monitoraggio.

RISULTATI – PRURITO
In MTC, G. Maciocia identifica cinque eziologie principali nella genesi del prurito: Calore, Vento Esterno, Vento “intradermico” (ndt), Umidità e Deficit di Sangue. Nel caso di Akemi, il deficit di Sangue di Fegato con produzione di Vento, le aveva causato prurito generalizzato, senza lesioni cutanee, accompagnato da secchezza cutanea, che si intensificava di notte ed è questo il motivo del peggioramento dello score visibile nella seconda settimana.
Il regime alimentare adottato, ha portato alla risoluzione del prurito in 10 settimane.

RISULTATI – FECI

L’aspetto delle feci è migliorato già alla seconda settimana per poi subire un peggioramento alla nona e decima settimana.
È bastato togliere i semi di zucca per ricompattarlo nuovamente.

RISULTATI – LINGUA

CONCLUSIONI
Alla data del 21 febbraio 2024, l’ultima valutazione dello stato di salute di Akemi conferma i progressi conseguiti a seguito dell’introduzione di modifiche dietetiche mirate. L’osservazione prolungata dei risultati positivi sottolinea la significativa efficacia dell’intervento nutrizionale, con evidenze di miglioramento qualitativo delle feci e di riduzione del prurito nei limiti fisiologici. Nonostante una variabilità residua nell’appetito, probabilmente influenzata da componenti emotive, la regolarità nei pasti e una ridotta tendenza all’ingestione di erba suggeriscono un avanzamento verso un equilibrio di benessere generale. Questi risultati sono potenzialmente indicativi di una risoluzione del fuoco di Stomaco, mediata dall’integrazione di Kuzu nella dieta.

Per concludere, la gestione del prurito nel cane lupo cecoslovacco, come dal caso preso in esame, sottolinea l’efficacia di un approccio integrato che combini in modo sapiente erbe e alimenti, secondo i principi della Medicina Tradizionale Cinese. I punti chiave sono stati l’approccio graduale e la semplicità della messa in opera. Il primo step, che prevedeva la cottura della carne di maiale, ha dato risultati inattesi quanto immediati, accrescendo la fiducia e quindi la compliance delle proprietarie di Akemi. Il monitoraggio costante e gli aggiustamenti progressivi della dieta hanno portato a miglioramenti significativi della condizione del prurito fino alla sua risoluzione.

BIBLIOGRAFIA
1. Maciocia, G. Itching in Chinese Medicine. Giovanni Maciocia https://giovanni-maciocia.com/itching/.
2. Maciocia, G. I fondamenti della Medicina Cinese. (Ed Edra).
3. Catania, A. Corso di dietetica cinese per piccoli animali – basi di MVTC – modulo 2. (2023).
4. Cecchi, F. Dietetica Cinese. (2023).
5. Schwartz, C. & Schwartz, M., Ed. Four Paws, Five Directions: A Guide to Chinese Medicine for Cats and Dogs. (Celestial Arts, 1996).

Condividi su: